Lo zucchero, una piaga grande quanto alcool o fumo?

Lo zuccheroLo zucchero… Verrà mai un giorno in cui sui pacchetti di caramelli e dolci apparirà l’avvertenza LO ZUCCHERO UCCIDE in lettere maiuscole come sui pacchetti di sigarette?

L’obiettivo dei ricercatori è di determinare se questo zucchero, semplice alimento calorico come ne esistono molti altri agisca come un prodotto intrinsecamente tossico, principale responsabile della maggior parte dei problemi di sanità pubblica attuale e capace di deteriorare la salute anche di coloro che non sono in eccesso calorico.

L’oro bianco che uccide lentamente…

Le popolazioni antiche non hanno mai mangiato così tanto zucchero e questo consumo si è soprattutto rafforzato con la produzione di prodotti « senza grassi», ai quali vengono aggiunti zuccheri per evitare che siano insipidi!

Ormai la relazione tra consumo di zucchero e aumento delle malattie è stabilita: diabete, obesità, malattie cardio-vascolari, tumori ecc. così come la somiglianza tra alcuni effetti del fruttosio sull’organismo e quelli dell’alcool (1)

Quale/i zucchero/i?

Per zucchero bisogna soprattutto intendere « fruttosio industriale »

La natura dello zucchero ha la sua importanza. Il fruttosio che fa parte – con il glucosio – della composizione attuale dello zucchero è soprattutto il principale accusato. Non tanto quello contenuto naturalmente nella frutta ma il fruttosio utilizzato come additivo per rafforzare il sapore zuccherato.

La frutta fornisce dai 20 ai 30 grammi di fruttosio al giorno. Ma gli zuccheri o sciroppi utilizzati nell’industria moderna possono apportare fino a 150 grammi al giorno. È questo apporto massiccio che provoca la sindrome metabolica che associa l’immagazzinamento di grassi nel fegato, ipertensione arteriosa, diabete e rischio cardio-vascolare.

Approfondimento su zucchero e fegato

Ma non è tutto, come spiega il celebre Dott. Robert Lustig endocrinologo pediatrico americano: « il fruttosio esercita sul fegato effetti tossici simili a quelli dell’alcol », il che « non sorprende affatto essendo l’alcol un derivato della fermentazione dello zucchero ». Soprattutto, insiste sul fatto che « numerosi studi si sono interessati alle proprietà dello zucchero che inducono a una dipendenza nell’uomo». Infatti, lo zucchero induce decisamente uno sregolamento dei sistemi ormonali che controllano la sazietà e conducono di colpo a mandare di più!

La minaccia sulla sanità pubblica costituita dal consumo eccessivo di zucchero, in particolare di fruttosio, è tale che giustifica la messa in opera di misura personali poiché non è possibile arrivare a vietare totalmente lo zucchero.

Soluzioni naturali esistenti per diminuire queste voglie irrefrenabili di alimenti zuccherati e mantenere un tasso di zucchero non-tossico nel sangue!

Sommersi da zuccheri raffinati, il cui consumo è incoraggiato ovunque, è spesso difficile da evitarli.  Ora, per limitarne i danni, esiste una pianta dalle notevoli proprietà. Famosa per la sua potente azione sugli zuccheri, la Gimnema è una pianta molto interessante che favorisce il blocco dell’assorbimento degli zuccheri a livello intestinale e aiuta a inibire i recettori che conducono a voglie esagerate di zucchero. In questo modo partecipa alla lotta contro i sovraccarichi ponderali e il rischio di sindrome metabolica (sovrappeso addominale, tasso elevato di trigliceridi nel sangue, ipertensione, colesterolo, glicemia elevata) (2)

Cyrielle K, il Tuo Dottore in Farmacia NutriLife

Références scientifiques

(1) rog Cardiovasc Dis. 2017 Dec 7. pii: S0033-0620(17)30162-7. doi: 10.1016/j.pcad.2017.12.001. [Epub ahFructose-induced Inflammation and Increased Cortisol: A New Mechanism for How Sugar Induces Visceral Adiposity.DiNicolantonio JJMehta VOnkaramurthy NO’Keefe JH.

(2) 2017;45(4):813-832. doi: 10.1142/S0192415X17500434. Epub 2017 May 18.The Effects of Gymnema sylvestre in High-Fat Diet-Induced Metabolic Disorders.Kim HJKim SLee AYJang Y1,Davaadamdin OHong SHKim JSCho MH.

Gymnema sylvestre, la pianta antizucchero per natura!

gymnema

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Nessun commento ancora

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *