Qual è il peso ideale di una donna dopo i 60 anni?

Qual è il peso ideale di una donna dopo i 60 anniIncrementare al meglio la propria attività fisica è fondamentale e non è mai troppo tardi per fare bene. Il sovrappeso e l’obesità dopo i 65 anni colpiscono più del 50% di questa fascia di età in Italia. Ciò significa che è ineluttabile? È necessario che tutte le persone interessate dimagriscano? Come bisogna intervenire?

Non si aumenta obbligatoriamente di peso con l’avanzare dell’età, nonostante sia frequente. Il peso in eccesso è spesso la conseguenza di una traiettoria, di una serie di eventi lungo tutto l’arco della vita. I chili si accumulano, come strati successivi, episodicamente, in modo insidioso.

Spesso la presa di coscienza è tardiva, quando il disagio diventa evidente.

Si entra quindi nel ciclo delle diete, spesso infernale, con il suo susseguirsi di perdite e riprese se i cambiamenti alimentari sono scorretti, troppo bruschi, troppo restrittivi. Invece, se preso all’inizio in modo ragionevole, imparando a mangiare un po’ meno, adattando le quantità alle proprie esigenze reali, ascoltando le proprie sensazioni alimentari, soprattutto la sazietà che permette di non riempire e di non finire i piatti e le portate, il paziente può migliorare il proprio peso.

Ma è opportuno riflettere anche sulle cause che hanno portato a questo aumento di peso. La menopausa è una di queste, ma è inevitabile. Non è, invece, il caso della sedentarietà.
Mantenere oppure aumentare la propria attività fisica è un modo efficace per fermare ciò che può sembrare irreversibile.

Anche i cambiamenti dello stile di vita, le alterazioni dei ritmi di vita, la mancanza di sonno, la destrutturazione dei pasti sono eventi che vengono spesso chiamati in causa. Sono coinvolti anche l’abbandono del fumo, l’interruzione dello sport, le compensazioni alimentari legate allo stress. Non è mai troppo tardi per rimediare.

Si tratta quindi di sapere se si deve dimagrire, se si può perdere peso e in che modo. A prima vista, dimagrire è benefico. Ma il peso in eccesso è sempre pericoloso quando si hanno più di 65 anni? È ovvio che in presenza di fattori di rischio associati (diabete, dislipidemia, ipertensione), ciò giustifica, da un lato, il miglioramento delle proprie abitudini alimentari e, dall’altro, la perdita di un po’ di peso. Ma, a parte queste situazioni, è stato dimostrato che il sovrappeso (IMC 25-30 kg/m2) non è associato allo stesso rischio a 65 anni e a 30. Si stima inoltre che il peso «ideale» a questa età sia di 27-29 kg/m2 piuttosto che inferiore a 25 kg/m2. Bisogna ponderare il tutto e far intervenire altri parametri. Sappiamo, ad esempio, che non solo l’attività fisica è un fattore che attenua notevolmente il sovra-rischio associato a un sovrappeso moderato e, ancor più, le capacità fisiche, ma ciò si mantiene. Sappiamo anche che la composizione corporea svolge un ruolo importante. Pertanto, una massa magra (muscolare) elevata è un fattore determinante per il mantenimento delle condizioni di salute. Anche in questo caso, l’attività fisica è fondamentale. Infine, è stato recentemente dimostrato che più che l’IMC, è il rapporto vita/fianchi (WHR), riflesso in particolare dell’adiposità addominale, che deve essere preso in considerazione.

Quindi, se si tiene conto di questo parametro, il sovrappeso moderato quando si hanno più di 60 anni non è più protettivo.

Ma lo stesso vale per un IMC normale quando quest’ultimo è associato a un WHR elevato. Al contrario, un sovrappeso moderato con un WHR normale (<0,95 per gli uomini, <0,85 per le donne) non è associato ad un aumento del rischio di mortalità o ad una maggiore morbilità cardiovascolare.

Cosa fare allora? In ogni caso, imparare a mangiare bene, vale a dire in modo equilibrato, è benefico, a prescindere dal peso. Incrementare al meglio la propria attività fisica è fondamentale. E non è mai troppo tardi per far bene. Uno dei primi obiettivi è innanzitutto quello di non prendere più peso, il secondo è di perdere qualche chilo, lentamente senza fretta, rivedendo le proprie abitudini.

Water caps: lotta contro la ritenzione idrica

water-caps-1301

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail